Slider

Menu

sabato 1 gennaio 2000

PROTOCOLLI D'INTESA CON IL MAOXSEDDD ONLUS

 

Dalla parte del sociale, intesa tra Calabria etica e Maoxseddd

L'impegno del Movimento Associazioni operatori per la sicurezza e difesa diritti disabili onlus
Sabato 21 Dicembre 2013 - 11:16
Mentre assistiamo a legami sociali sempre più sfilacciati, una singolare alleanza si è invece affermata in Calabria, in grado di generare una nuova stagione di virtù civili e solidali.
Si tratta del protocollo d’intesa tra la Fondazione Calabria Etica e il Maoxseddd – Movimento Associazioni operatori per la sicurezza e difesa diritti disabili onlus, stipulato di recente presso la sede della stessa Fondazione.
Firmatari del Protocollo Pasqualino Ruberto, Presidente di Calabria Etica e il Dott. Antonello Imbesi, Segretario Generale Nazionale del Maoxseddd.
Da un lato, dunque, la “Fondazione Calabria Etica”, che da sempre svolge attività di sostegno tecnico alla Regione Calabria nell’ambito del Piano Emergenza Famiglia, rivolta alle persone con disabilità grave o in stato vegetativo, nonché alle loro famiglie; dall’altro lato, il Maoxseddd, che riconosce nella propria funzione assistenziale, animata da una spiccata verve sociale, la sua missione di vita.
Insomma, due identità libere ed autonome che si cingono l’una nell’altra sino a fondersi in un unico comune denominatore: “l’integrazione sociale dei disabili e dei soggetti particolarmente svantaggiati, attraverso la promozione di iniziative di supporto, assistenza ed informazione”.
Un’intesa, quella tra il Maoxseddd e Calabria Etica, senso di orgoglio per la Calabria, esempio per le varie realtà individuali e associative, nonchè valore aggiunto per gli stessi Operatori della Sicurezza, che scorgono in questo patto una rinata politica assistenzialistica  al loro servizio al Paese. 
Particolarmente soddisfatto il Segretario Generale Nazionale del Maoxseddd Antonello Imbesi, il quale, oltre ad esprimere la sua personale gratitudine nonché quella del Direttivo del Movimento nei confronti del Presidente di Calabria Etica Pasqualino Ruberto, dichiara:
“Oggi, in una società in cui sono sempre meno garantiti i servizi e i diritti di base ai soggetti affetti da disabilità, è fondamentale compiere ogni sforzo affinchè i diritti sociali diventino diritti umani universali.
E’ chiaro, infatti, che senza un aumento dell’uguaglianza sostanziale tra i cittadini in tema di diritti e di servizi, la crescita sociale non potrà mai riprendere. Non solo, ma se tale sentimento di disparità dovesse andare oltre una soglia critica – continua Imbesi -, concorrerebbe senza ombra di dubbio a distruggere gli ultimi fili di un tessuto sociale già in parte disgregato. Per questo – conclude -, riteniamo che l’intesa tra il Maoxseddd e Calabria Etica possegga tutti i costituenti per partorire un nuovo patto sociale, simbolo di una cultura comunitaria, e, pertanto, in grado di attribuire, più di quanto non faccia la cultura individualista, il giusto peso alla felicità pubblica”.

 

Calabria: siglata intesa tra Maoxseddd e Fondazione Calabria etica

21 Dicembre 2013 - 13:04

(ASCA) - Catanzaro, 21 dic - Una singolare alleanza si e' affermata in Calabria, in grado di generare una nuova stagione di virtu' civili e solidali. Si tratta del protocollo d'intesa tra la Fondazione Calabria Etica e il Maoxseddd - Movimento Associazioni Operatori per la Sicurezza e Difesa Diritti Disabili Onlus, stipulato nella sede della stessa Fondazione. Firmatari del Protocollo Pasqualino Ruberto, Presidente di Calabria Etica, e Antonello Imbesi, Segretario Generale Nazionale del Maoxseddd. Da un lato, dunque, la ''Fondazione Calabria Etica'', che da sempre svolge attivita' di sostegno tecnico alla Regione Calabria nell'ambito del Piano Emergenza Famiglia, rivolta alle persone con disabilita' grave o in stato vegetativo, nonche' alle loro famiglie; dall'altro lato, il Maoxseddd, che riconosce nella propria funzione assistenziale, animata da una spiccata verve sociale, la sua missione di vita. Due identita' libere ed autonome che si cingono l'una nell'altra sino a fondersi in un unico comune denominatore: ''l'integrazione sociale dei disabili e dei soggetti particolarmente svantaggiati, attraverso la promozione di iniziative di supporto, assistenza ed informazione''. red/vlm/ss