Slider

Menu

sabato 1 gennaio 2000

RASSEGNA STAMPA

Dalla parte del sociale, intesa tra Calabria etica e Maoxseddd
L'impegno del Movimento Associazioni operatori per la sicurezza e difesa diritti disabili onlus
Sabato 21 Dicembre 2013 - 11:16
Mentre assistiamo a legami sociali sempre più sfilacciati, una singolare alleanza si è invece affermata in Calabria, in grado di generare una nuova stagione di virtù civili e solidali.
Si tratta del protocollo d’intesa tra la Fondazione Calabria Etica e il Maoxseddd – Movimento Associazioni operatori per la sicurezza e difesa diritti disabili onlus, stipulato di recente presso la sede della stessa Fondazione.
Firmatari del Protocollo Pasqualino Ruberto, Presidente di Calabria Etica e il Dott. Antonello Imbesi, Segretario Generale Nazionale del Maoxseddd.
Da un lato, dunque, la “Fondazione Calabria Etica”, che da sempre svolge attività di sostegno tecnico alla Regione Calabria nell’ambito del Piano Emergenza Famiglia, rivolta alle persone con disabilità grave o in stato vegetativo, nonché alle loro famiglie; dall’altro lato, il Maoxseddd, che riconosce nella propria funzione assistenziale, animata da una spiccata verve sociale, la sua missione di vita.
Insomma, due identità libere ed autonome che si cingono l’una nell’altra sino a fondersi in un unico comune denominatore: “l’integrazione sociale dei disabili e dei soggetti particolarmente svantaggiati, attraverso la promozione di iniziative di supporto, assistenza ed informazione”.
Un’intesa, quella tra il Maoxseddd e Calabria Etica, senso di orgoglio per la Calabria, esempio per le varie realtà individuali e associative, nonchè valore aggiunto per gli stessi Operatori della Sicurezza, che scorgono in questo patto una rinata politica assistenzialistica  al loro servizio al Paese. 
Particolarmente soddisfatto il Segretario Generale Nazionale del Maoxseddd Antonello Imbesi, il quale, oltre ad esprimere la sua personale gratitudine nonché quella del Direttivo del Movimento nei confronti del Presidente di Calabria Etica Pasqualino Ruberto, dichiara:
“Oggi, in una società in cui sono sempre meno garantiti i servizi e i diritti di base ai soggetti affetti da disabilità, è fondamentale compiere ogni sforzo affinchè i diritti sociali diventino diritti umani universali.
E’ chiaro, infatti, che senza un aumento dell’uguaglianza sostanziale tra i cittadini in tema di diritti e di servizi, la crescita sociale non potrà mai riprendere. Non solo, ma se tale sentimento di disparità dovesse andare oltre una soglia critica – continua Imbesi -, concorrerebbe senza ombra di dubbio a distruggere gli ultimi fili di un tessuto sociale già in parte disgregato. Per questo – conclude -, riteniamo che l’intesa tra il Maoxseddd e Calabria Etica possegga tutti i costituenti per partorire un nuovo patto sociale, simbolo di una cultura comunitaria, e, pertanto, in grado di attribuire, più di quanto non faccia la cultura individualista, il giusto peso alla felicità pubblica”. 


PDF Stampa E-mail

Disabilità: Maoxseddd apre i suoi orizzonti sociali anche a Cosenza

Cosenza Attualità
Mariella Ferraro
Il M.A.O.X.S. & D.D.D. – Movimento Associazioni Operatori per la Sicurezza e Difesa Diritti Disabili Onlus, attraverso la nomina della Dott.ssa Mariella Ferraro a Segretario provinciale del Movimento, apre i suoi orizzonti sociali anche a Cosenza.
La nomina della Ferraro avviene in un momento in cui ogni territorio avverte l’incontenibile bisogno di rinnovare saldamente e di garantire costantemente alle proprie comunità una reale dimensione di sicurezza comune, in grado di rappresentare la cellula sana del nostro sistema sociale, politico ed economico.
Quella cellula che vide la sua prima forma di vita in un gruppo di appartenenti alle Forze dell’Ordine, accomunati dal desiderio di fondare il proprio modello di esistenza e di vita sulla cura e la tutela della disabilità.
Oggi, quella stessa inclinazione umana, ha consentito alla società di riconoscere una concezione della disabilità intesa non pìù soltanto come menomazione fisica, bensì come espressione di ogni forma di disagio sociale, concezione che ha fatto si che il Maoxseddd divenisse un’irrinunciabile realtà nei tessuti più complessi della vita sociale, operando attraverso i suoi 14 Dipartimenti, alcuni dei quali portano i distintivi della tutela della donna (Dipartimento “Violenza contro le Donne”), della protezione del minore (Dipartimento “Maltrattamento Minori”), dei servizi sociali, della famiglia intesa come principale corrente della civiltà dell’amore, del valore del lavoro (Dipartimento “Servizi Sociali – Famiglia – Lavoro”), del nostro ordinamento giuridico (Dipartimento “Legale”), dell’attività di ricerca (Dipartimento “Scientifico”), della salvaguardia ambientale (Dipartimento Ambientale e Sicurezza nel Territorio – Guardie Ambientali “Garibaldini Volontari del Capitano Ultimo”), delle calamità e attività di difesa civile (Dipartimento “Protezione Civile – Saint Lazzare – Volontari del Capitano Ultimo”).
Dipartimenti che estenderanno il proprio raggio d’azione anche a Cosenza, attraverso il pregiato operato di Mariella Ferraro, coadiuvata dal Dott. Giancarlo Bilotta, Responsabile del Dipartimento provinciale di Protezione Civile e Guardie Ambientali “Garibaldini Volontari del Capitano Ultimo”, dalla Dott.ssa Francesca Falsetta, Biologa e Responsabile del Dipartimento Scientifico provinciale e dall’Avv. Filomena Falsetta, Responsabile del Dipartimento Legale provinciale.
Mariella Ferraro è nata a Cosenza il 24.11.1965, risiede a Rende, è sposata e ha un figlio di 23 anni studente modello. È psicopedagogista, esperta in criminologia clinica e psicopatologia forense, esperta in criminalistica, balistica e nelle azioni di cura per le dipendenze; ha collaborato con la cattedra di psicopatologia forense alla Sapienza, con gli istituti penitenziari della Calabria, con particolare riferimento alle aree delinquenti sessuali, tossicodipendenti, stranieri.
Ha svolto, altresì, il proprio mandato di CTP presso il Tribunale di Paola come consulente peritale relativamente agli abusi sui minori; si è occupata dell’attivazione di sportelli territoriali per la cura di famiglie svantaggiate, minori in stato di disagio, anziani, disabili.
La stessa Ferraro, all’atto della nomina a Segretario provinciale di Cosenza del Maoxseddd ha dichiarato:
“Sono grata al Presidente Nazionale nonché al Segretario Generale Nazionale del Maoxseddd Antonino Imbesi per la fiducia che ha voluto riporre in me e nella mia azione, quell’azione che dovrà rivelarsi quotidianamente capace di ricomporre i tasselli di quell’imprescindibile rapporto tra noi stessi e il nostro servizio alla vita.
Al momento della nomina, sono stata pervasa da un forte senso di onore, e, al contempo, di profonda responsabilità per l’arduo compito al quale sono stata chiamata: costruire unitamente ai cosentini il puzzle della sicurezza sociale”.


BAGNARA Imbesi (MAOXSEDDD) chiede al Sindaco di attivare la sede COM
 
Lunedì 07 Ottobre 2013
In un periodo dove attacchi (anche da parte mia) a questa amministrazione sono pane quotidiano, per indicare tutte quelle cose incompiute, altre che non vanno bene e altre che si potrebbero migliorare, devo riconoscere che il sindaco ha affrontato in modo professionale l'emergenza clandestini.
Appena ha appreso la notizia ci ha subito attivati per effettuare controlli lungo la costa del nostro territorio per segnalare eventuali altri sbarchi che si potrebbero verificare nei prossimi giorni. Lo sbarco dei giorni scorsi però ci deve far riflettere su alcune immediate considerazioni e decisioni da prendere. Abbiamo un comando stazione Carabinieri il quale ha dimostrato la celerità nell'intervento, unitamente alla delegazione di spiaggia, il nucleo di protezione civile pronto ad intervenire immediatamente in qualsiasi emergenza si venisse a creare, un gruppo di volontari dei vigili del fuoco efficienti, i volontari della croce rossa anch'essi pronti ad intervenire, ma non esiste un coordinamento, anche se sulla carta esiste il COC.
Credo che questa sia l'occasione giusta per prendere le dovute precauzioni e decisioni in merito ad un probabile sbarco di massa, per questo mi sento di consigliare, da tecnico in materia, alcuni suggerimenti:
1) Immediata riunione tra le forze dell'ordine e i tre gruppi di volontari operativi (protezione civile,vigili del fuoco e croce rossa) estendere tale riunione anche a quelle associazioni che per le loro attività sociale potrebbero essere utili nelle emergenze e ai professionisti ( Geologo, Ingegnere, ecc, ecc,).
2) Individuare immediatamente dei locali da adibire a centro di prima accoglienza, dove gli stessi nell'attesa di essere trasferiti nei campi, sono rifocillati ed eventualmente visitati, senza dimenticare che alcuni arrivano da paesi dove ancora oggi si ha a ché fare con tifo, malaria e altre malattie infettive.
3) Creare un coordinamento con i medici presenti nel territorio.
4) Coinvolgere aziende private, (per la disponibilità di mezzi meccanici quali, camion , terne,ruspe, gruppi elettrogeni e tutto quel materiale che potrebbe essere utilizzato per le necessità di calamità)
5) I tre gruppi di volontari operativi, ogni uno per la parte di competenza e con un calendario concordato con il COC e con le scuole, sia attivato per effettuare esercitazione con gli studenti almeno due volte all'anno, analoga iniziativa con i cittadini che vogliono contribuire a formarsi.
6) Reperire 2 prefabbricati , da utilizzare come sala operativa e uno come infermeria.
7) Attivare immediatamente la sede COM.
Se questi sette punti saranno presi in considerazioni, possiamo dire di essere un paese pronto ad affrontare le diverse emergenze che si potrebbero verificare nel nostro territorio.
Antonino IMBESI
Segretario Generale Nazionale MAOXSEDDD.
Responsabile Nazionale Dipartimento Protezione Civile - MAOXSEDDD
 
 

BAGNARA Imbesi scrive al Sindaco: ''al Comune non esistono servizi igienici adibiti a soggetti diversamente abili, e la rampa di accesso non e' a norma''
 
Venerdì 03 Gennaio 2014
''Rampa di accesso alla sede municipale non a norma, mancanza di servizi igienici adibiti a persone diversamente abili. In diverse vie cittadine i marciapiedi non presentano le opportune discese per le carrozzine in corrispondenza delle strisce pedonali e, dove sono presenti, oltre a non essere a norma non hanno lo spazio stabilito per legge, per dare la possibilità al diversamente abili di fare manovre con la carrozzina. In molti punti della città  gli arredi posti sui marciapiedi  da parte delle attività commerciali ostruiscono il normale transito. Lampioni posizionati in mezzo al marciapiedi e gradini abusivi sui marciapiedi, e addirittura accessi secondari alle abitazioni costruite sul suolo comunale rendono di fatto inaccessibili il transito in carrozzina. I parcheggi per i disabili sono spesso di misura non a norma, privi dello spazio necessario per far scendere il disabile con la sua carrozzina o con lo spazio medesimo mal posizionato.”
E’ questa la denuncia di Antonio Imbesi, segretario nazionale del Movimento delle associazioni per la sicurezza e la difesa dei diritti dei disabili, inviata per lettera al sindaco di Bagnara Cesare Zappia, all’assessore ai Servizi Sociali, Giuseppe Spoleti, a tutti i consiglieri comunali, e alla presidente della Commissione Pari Opportunità, Silvana Ruggiero.
Imbesi nella missiva chiede di vedere accolte le proprie richieste, e conclude con un avvertimento abbastanza eloquente, “se non avremo una risposta in tempi ragionevolmente brevi, in merito ai provvedimenti che si intendono adottare per la definitiva risoluzione dei problemi evidenziati, oltre ai rilievi fotografici da esibire alle autorità competenti, faremo seguire una denuncia penale per discriminazione sociale nei confronti delle persone con disabilità.”


BAGNARA Il Movimento M.A.O.X.S & D.D.D. di Antonino Imbesi a Pellaro per soccorrere i migranti
 
Martedì 15 Ottobre 2013
Non poteva mancare il Movimento M.A.O.X.S & D.D.D. - ONLUS - dei gruppi di  volontari  Guardie Ambientali – Protezione Civile e Garibaldini del Capitano Ultimo a Pellaro, per soccorrere e dare sollievo ai migranti giunti Domenica sera al Porto di Reggio Calabria.
E lo hanno fatto con la consueta professionalità e con notevole preparazione tecnica e operativa. “I nostri volontari – ha detto Antonino Imbesi segretario nazionale del movimento – sono stati allertati nella giornata di ieri dalla Protezione Civile di Reggio Calabria a seguito dell’emergenza profughi. Ai ragazzi del movimento è stato affidato il compito del montaggio delle tende da adibire a  postazioni sanitarie, lavoro svolto egregiamente e in tempo utile per poter essere immediatamente utilizzate dai medici e dal personale sanitario.” Nella tarda serata di ieri i volontari, pur rimanendo a disposizione e in stato di allerta,  sono rientrati in sede e pronti a partire per altri eventuali interventi.
Nei giorni scorsi, tra l’altro, gli operatori del Movimento hanno completato la terza consegna del Banco Alimentare a 70 famiglie bisognose. Il tutto si è svolto garantendo agli utenti la massima riservatezza, facendoli giungere presso la sede del Banco in orari diversi.
Una bella realtà quella del Movimento M.A.O.X.S & D.D.D che,  fin dalla nascita, si è posto a servizio del territorio, con professionalità, competenza, e soprattutto grande umanità, dimostrando, ovunque è stato chiamato ad operare, buone capacità organizzative e gestionali.