Slider

Menu

venerdì 21 marzo 2014

BAGNARA A Pellegrina un gruppo di genitori pronti alle barricate in difesa della Scuola Elementare

Un gruppo di genitori di Pellegrina ha deciso di fare sentire la propria voce, e come dicono loro stessi, ''pronti ad intraprendere azioni forti a tutela dei diritti dei propri figli e di tutti gli abitanti della frazione, e stanchi di essere considerati alibi per manovre clientelistiche e ad personam.''
''Noi genitori - asseriscono -  che da ottobre scorso vediamo i nostri diritti calpestati e annullati da un abuso di potere da parte della cosa pubblica, siamo sempre in prima linea a fronteggiare l'ignoranza, l'arroganza, la strafottenza, le bugie e le false promesse che non lasciano intravedere nulla di nuovo all'orizzonte, solo clientelismo e cronico lassismo, di cui l'intera popolazione  è esausta. Apprendiamo con assoluto terrore – continuano - della necessità di un immediato intervento di aggregazione e recupero da effettuarsi nella nostra Frazione, verso quei ragazzi e famiglie a rischio socio-familiare ‘urgente’, morale compresa. Ringraziamo ancora una volta il Primo Cittadino, la sua Giunta e le Commissioni, per l’alta sensibilità dimostrata tanto da contribuire con 17 mila euro più la sede,  là dove da oltre 50 anni studiavano i nostri figli, e dove vorremmo farli tornare così come è stato chiesto in più circostanze, attraverso vari incontri e per iscritto.”
Le lamentele non finiscono qui ed insistono nel denunciare le spese effettuate nel plesso che fino a qualche tempo fa ospitava la Scuola Elementare, “circa 28.000 euro, per infilare associazioni amiche o vicine all’amministrazione comunale, alla faccia dei bambini, dei genitori e di chi paga le tasse e desidererebbe avere  più servizi.”
La conclusione è ironica, ma amara allo stesso tempo: “credevamo, da illusi, che Pellegrina fosse un'isola felice, oggi invece dopo il brusco risveglio,  siamo venuti a sapere di avere tanti problemi da affrontare con urgenza. Nonostante questo siamo disponibili a confrontarci con l'intera popolazione, e pronti a  fare anche le barricate per continuare la nostra giusta battaglia, disposti ad attendere così come ci è stato suggerito, di essere sentiti dal Signor Prefetto e dal Procuratore Generale di Reggio Calabria, prima di passare a più concrete e incisive azioni.”
Neri prossimi giorni, fanno sapere i genitori, sarà convocata  un’assemblea pubblica per parlare della Scuola Elementare, e di tante altre problematiche che affliggono la frazione di Pellegrina.

Red costaviolaonline